Carpaccio, tartare e cruditè di pesce in scena sulle tavole cilentane

Alta qualità nel crudo dello chef cilentano Alessandro Feo che proporrà i gamberi di Acciaroli venerdì 24 marzo

Secondo alcune filosofie alimentari il crudismo, consumare cibo crudo, freschissimo e di alta qualità, permette di mantenerne inalterate le proprietà nutritive e nel pesce crudo, oltre ad essere molto più digeribile grazie all’alto contenuto di vitamine termolabili, si mantiene inalterato tutto il contenuto di Omega-3.

In questo contesto si inserisce la serata evento del Rumi resturant di Ascea Marina che venerdì 24 marzo prossimo alle 20:30 proporrà di cinque specialità diverse di crudité con abbinamenti particolari utilizzando solo materie prime di eccellenza, come i famosi gamberi di Acciaroli. Sarà lo chef Cilentano Alessandro Feo, vincitore di una medaglia agli ultimi campionati di cucina italiana di Rimini, a elaborare le portate che faranno riscoprire i sapori puri e genuini dei prodotti utilizzati.

CONTINUA A LEGGERE

Sergio Pinto

Inizia da giovanissimo l'attività di giornalista, dapprima collaborando per una radio locale, poi fondando un free press nel territorio di Casal Velino. Successivamente ha lavorato con i quotidiani "La Città", "Il Mattino" e "L'Opinione". Fondatore della casa editrice e studio di comunicazione Qwerty, è stato editore e direttore responsabile del mensile "L'Informazione", distribuito su tutto il territorio cilentano. Dal 2009 è direttore di InfoCilento.

Sostieni l'informazione indipendente