Confetti Maxtris
Confetti Maxtris
Attualità

Cilento: è allarme castagne. Un altro comune chiede lo stato di calamità naturale

Il sindaco: “Situazione preoccupante, mette a rischio una risorsa del territorio”

ROFRANO. Dopo Stio un altro comune cilentano chiede aiuto per i danni subite dalle coltivazioni di castagne. Si tratta di Rofrano, la cui giunta comunale, guidata dal sindaco Nicola Cammarano, ha fatto voti alla Regione Campania e alla Comunità Montana Bussento, Lambro e Mingardo affinché sul territorio venga dichiarato lo stato di calamità naturale. I problemi alle coltivazione sono sorti a causa di un insetto, il cinipide, ma anche delle avverse condizioni atmosferiche di quest’anno. “La situazione è preoccupante – fanno sapere da palazzo di città – e mette a rischio una risorsa che da sempre è stata fondamentale per il territorio di questo comune sia da un punto di vista produttivo che culturale, storico e gastronomico”.

Secondo i dati di Confagricoltura il Cilento è uno dei territori maggiormente colpiti dal cinipide del castagno e quella 2016 sarà l’annata peggiore per il raccolto di questo frutto.

Il cinipide del castagno o cinipide galligeno del castagno o vespa del castagno è un insetto fitofago dell’ordine degli imenotteri detto galligeno perché induce la comparsa di ingrossamenti tondeggianti detti galle su germogli e foglie delle piante colpite nei quali la sua larva compie il ciclo vitale. Esso è originario della Cina ed è arrivato in nord Italia a partire dai primi anni 2000. Il Ministero per le politiche agricole negli anni ha tentato di combatterlo biologicamente, attraverso un altro insetto, il Torymus sinensis. Fin ora, però, i risultati non sono stati del tutto soddisfacenti.

Correlati

Popolari

Top