Allarme incendi, ieri altre quattro località colpite. Pisani: follia della distruzione non deve vincere

Anche ieri vigili del fuoco, comunità montane e protezione civile in azione

Ancora incendi nel Cilento. I piromani non fermano la propria folle azione e continuano a mettere in ginocchio il territorio. Ad essere colpiti nella sola giornata di ieri Torchiara, Pisciotta, Castellabate e Pollica. L’intervento dei Vigili del Fuoco di Vallo della Lucania, del servizio anticendio della Comunità Montana e della Protezione Civile ha evitato che il fronte del fuoco arrivasse a ridosso di alcune abitazioni. Il lavoro dei caschi rossi e delle altre forze in campo, però, non ha evitato la distruzione di ettari di macchia mediterranea e boschi. A Pisciotta, soltanto nell’ultima settimana, sono stati registrati ben sette incendi. A Castellabate, invece, i bagnanti della zona Lago sono stati costretti a trascorrere una giornata al mare osservando il via vai di canadair intenti nella loro lotta al fuoco.

Il sindaco di Pollica, Stefano Pisani è molto severo sulla situazione: «La follia della distruzione non deve vincere». Si cercano risposte dal Parco che nelle scorse settimane aveva annunciato l’attivazione di telecamere contro i piromani. Il problema incendi si sta avvertendo in tutta la sua intensità in questo finale di stagione estiva: tra Cilento e Vallo di Diano il bilancio delle aree colpite è da brividi.

CONTINUA A LEGGERE

Ernesto Rocco

Inizia l'attività giornalistica nel 2003, collaborando con il mensile "Il Cilento Nuovo". Successivamente diventa addetto stampa dell'U.S.Agropoli 1921, ruolo che manterrà fino al 2013 e che tornerà a ricoprire negli anni successivi. Nel 2005, fonda il portale InfoAgropoli (divenuto poi InfoCilento), di cui è caporedattore. Dal 2012 è collaboratore de "Il Mattino" e dell'agenzia di stampa Mediapress. Si occupa dell'organizzazione e della gestione di uffici stampa con lo studio di comunicazione Qwerty. Conduce programmi radio e tv sui canali di InfoCilento ed è opinionista e corrispondente di alcune televisioni locali.

Sostieni l'informazione indipendente