Majestic
AttualitàIn Primo Piano

Volontari e immigrati al lavoro per tutelare l’Oasi Dunale

Continua il progetto di salvaguardia dell’Oasi Dunale e di completamento del sentiero degli argonauti

Continuano i percorsi di condivisione e inclusione sociale organizzati da Legambiente Paestum e dal centro di prima accoglienza di Capaccio Paestum gestito da Pino Leone. Volontari e richiedenti asilo insieme svolgono le attività connesse alla tutela e alla valorizzazione dell’habitat costiero nell’Oasi Dunale ove, tra l’altro, si realizzerà un’aula didattica per i bambini e una casa degli insetti (bug hotel) per contribuire a difendere la biodiversità del nostro ambiente utilizzando materiali naturali e riciclati.
D’intesa con il Direttore del Parco archeologico, inoltre, si lavora al completamento del “sentiero degli argonauti” che a breve consentirà di raggiungere direttamente il mare, dall’interno dell’area archeologica attraverso i campi e Porta Marina.
Non solo attività di lavoro per la valorizzazione del nostro patrimonio ambientale e culturale ma anche intensi momenti di confronto, di reciproca conoscenza, di scambio culturale e di svago.
Silvia una delle volontarie del campo viene da Brescia e ritiene che quella in atto sia un’esperienza profonda e arricchente. “Il contatto diretto con i migranti ci ha permesso di venire a conoscenza diretta di situazioni delicate e molto complicate. Condividere momenti ed esperienze ci è d’aiuto per capire quanto siano complesse le dinamiche dei flussi migratori.”
Chiara, invece è di Napoli e vive a Belfast pensa che: “questo progetto mette da parte l’approccio meramente assistenziale ed emergenziale dell’accoglienza, perché lavorare per la valorizzazione del territorio con i richiedenti asilo permette da un lato di tenerli impegnati e farli sentire utili, e dall’altro favorisce l’inclusione: residenti e turisti si accorgono della loro esistenza, li vedono lavorare per salvaguardare dei beni comuni, giocare sulla spiaggia con adulti e bambini, imparare l’italiano.”
Ulysse e Fausta italo/francesi, pensano che “il progetto permette di creare legami inaspettati tra persone, dalla fortuna diversa, perché tramite delle belle azioni di manutenzione e valorizzazione nascono conversazioni e scambi che arricchiscono tutti.”
L’iniziativa in corso rientra nel progetto Dinamica che si avvale del sostegno del CSV Sodalis della provincia di Salerno.

Continua dopo la pubblicità
Tags
Continua dopo la pubblicità
blank

Comunicato Stampa

Questo articolo non è stato elaborato dalla redazione di InfoCilento. Si tratta di un comunicato stampa pubblicato integralmente.
Close

Hai Ad Block Attivo

Disattiva Ad Block su questo sito se vuoi continuare a leggere InfoCilento.it