Confetti Maxtris
Confetti Maxtris
Ciccimmaretati - Stio
Hard and Soft House
Scuola Nuova
Cronaca

Cercavano di spendere 20 euro false: arrestati due ambulanti

Cercavano di spendere 20 euro false: arrestati due ambulanti

A dare l’allarme una commerciante. I carabinieri, una volta intervenuti, hanno scoperto che i due erano in possesso di oltre 400 euro in banconote false.

Cercavano di spendere 20 euro false: arrestati due ambulanti

A dare l’allarme una commerciante. I carabinieri, una volta intervenuti, hanno scoperto che i due erano in possesso di oltre 400 euro in banconote false.

I Carabinieri della Stazione di Sanza, guidati dal Maresciallo Russo, hanno tratto in arresto due venditori ambulanti residenti a Bracigliano, B.M. classe 92 e G.C. classe 71, per il reato di spendita e detenzione di banconote false. La prima segnalazione era giunta ai Carabinieri della Stazione intorno alle ore 13.00 di ieri: la signora Elisabetta, una commerciante di Sanza, insospettita che i due ambulanti stessero usando una banconota falsa per pagare il conto alla cassa, chiedeva l’intervento della pattuglia dei militari che poco prima era transitata davanti al suo negozio. I carabinieri prontamente intervenuti sono riusciti a fermare i due soggetti all’interno del negozio proprio mentre cercavano di spendere una banconota di 20 euro falsa. Sottoposti ad immediata perquisizione i due sono stati trovati in possesso di 460 euro, in banconote da 20 e 50 euro, risultate tutte falsificate. Gli accertamenti efficacemente condotti dl Mar. Russoe dall’App. Ferro, hanno permesso di ricostruire tutti gli spostamenti dei due soggetti nella giornata. Infatti tramite gli scontrini trovati all’interno del loro mezzo, i Carabinieri sono riusciti a dimostrare come i due avessero già colpito altri esercizi commerciali della zona, piazzando diverse banconote false. I due dichiarati in stato di arresto, sono stati collocati presso le camere di sicurezza della Compagnia Carabinieri di Sapri in attesa delle determinazioni dell’autorità giudiziaria. Le banconote, sottoposte a sequestro, saranno inviate presso la Banca d’Italia per il tramite del Comando Carabinieri Antifalsificazione di Roma, organo competente per il contrasto al reato di falsificazione nummaria.

Commenti

Altri contenuti

Top