Vallo della Lucania, blitz della finanza: scoperti 27 lavoratori in nero - Info Cilento
Montella Prisma Arredo
Casa San Pio
Caseificio Campolongo
Plasticart
Cronaca

Vallo della Lucania, blitz della finanza: scoperti 27 lavoratori in nero

Guardia_di_Finanza_

Le attività ispettive hanno portato ad una maxi sanzione per i titolari.

Vallo della Lucania, blitz della finanza: scoperti 27 lavoratori in nero

Le attività ispettive hanno portato ad una maxi sanzione per i titolari.

Le Fiamme Gialle della Tenenza di Vallo della Lucania, nel corso dei controlli per la repressione del fenomeno del sommerso da lavoro, hanno scoperto 27 lavoratori “in nero” che prestavano la loro opera all’interno di un supermercato.
Per il titolare della società sottoposta ad ispezione è scattata quindi la “maxisanzione” che va da 1.950 a 15.600 euro per ciascun lavoratore occupato “in nero”, oltre a 190 euro per ogni giornata svolta irregolarmente e da 1.300 a 10.400 euro per ogni lavoratore “in nero” in seguito regolarizzato, con l’aggiunta di euro 39,00 per ogni giorno di occupazione.
Per le condotte accertate dal 24.09.2015, con l’avvento della nuova normativa in materia di lavoro, l’entità della pena va da un minimo di 1.500 ad un massimo di 9.000 euro per ogni lavoratore impiegato “in nero” per meno di 30 giorni e da un minimo di 3.000 ad un massimo di 18.000 euro per ogni lavoratore impiegato “in nero” per più di 30 giorni.
Nel caso di specie la sanzione amministrativa irrogata è stata quantificata in misura ridotta per 85.780,00 euro. Qualora il trasgressore non fornisca la prova dell’avvenuta regolarizzazione dei dipendenti e del pagamento della sanzione entro i prescritti termini, detta sanzione lieviterà notevolmente, superando i 400.000 euro.
La Guardia di Finanza ha intensificato le ispezioni rafforzando il dispositivo di controllo attraverso costanti e continui interventi presso gli operatori economici che utilizzano personale dipendente.
La lotta al sommerso da lavoro si inserisce nella più ampia azione del Corpo a tutela dei lavoratori, sia assistenziale che previdenziale, nonché a tutela degli interessi erariali del Paese, nel rispetto della normativa e con lo scopo di porre le basi per garantire adeguati standard di competitività, che consentano alle attività economiche di confrontarsi tra loro in un mercato equo e paritetico.

Top
Ti suggeriamo di leggere Cronaca, Homepage
taglio_alberi-1500
Nuovo taglio abusivo d’alberi, scattano le denunce

wonderwoman
Dalla costiera Amalfitana a quella Cilentana, Hollywood cerca comparse

discarica novi velia
Cilento: frana in una discarica comunale

Chiudi