Confetti Maxtris
Confetti Maxtris
Istituto Merini
Hard and Soft House
Scuola Nuova
Attualità

Il Consiglio dell’Uncem Campania plaude alla nomina di Alfieri

Il Consiglio dell’Uncem Campania plaude alla nomina di Alfieri

Il consiglio ha ribadito anche il suo “no” alle fusioni di comuni.

Il consiglio ha ribadito anche il suo “no” alle fusioni di comuni.

“Quello di oggi è stato un Consiglio Uncem Campania molto partecipato, in cui si è espressa con forza grande soddisfazione per la delega – da parte del Presidente De Luca – al Sindaco di Agropoli, Franco Alfieri, all’agricoltura e foreste”. A parlare è il presidente Vincenzo Luciano che torna sulla nomina del primo cittadino Franco Alfieri a consigliere personale di Vincenzo De Luca ad agricoltura, caccia e pesca. “Un Sindaco che si è sempre contraddistinto per concretezza e conoscenza dei territori interni e montani, vicino alle questioni dei forestali e dei nostri Enti montani”, dice Luciano. L’Uncem chiede ora un incontro immediato con ALfieri “finalizzato ad accompagnare e velocizzare il processo in atto per accreditare subito le risorse 2015 e la nuova programmazione 2016/2017. Azione che si intreccia con una vera riforma della forestazione che abbia risorse, più funzioni e più produttività, nonché con le nuove politiche per le aree interne e la nuova programmazione PSR e che rilancino il ruolo dei nostri Comuni ed Enti montani con più funzioni e servizi”.

“A marzo, con il delegato Franco Alfieri, terremo gli stati generali della montagna campana per rilanciare politiche di sviluppo dei nostri territori”, dicono dall’Uncem. “Siamo certi che, con Alfieri, daremo migliore concretezza al lavoro avviato evitando confusioni, inutili accorpamenti e restringimenti della democrazia e permettendo, invece, il pieno dispiegamento democratico dei nostri comuni montani. Infine, a marzo, dopo il Comitato di sorveglianza sui fondi europei, terremo il primo seminario per i Comuni e le Comunità Montane sulle nuovi misure del PSR”.

Durante il Consiglio si è ribadito anche il no all’obbligo di fusioni dei piccoli Comuni, al di sotto dei 5.000 abitanti.

Top