Emergenza cinghiali in Cilento, Coldiretti: serve l'esercito - Info Cilento
Montella Prisma Arredo
Casa San Pio
Caseificio Campolongo
Plasticart
Attualità

Emergenza cinghiali in Cilento, Coldiretti: serve l’esercito

cinghiale

L’esercito per combattere i cinghiali. Lo dice la Coldiretti Salerno che lancia l’allarme contro un’emergenza ormai fuori controllo.

Emergenza cinghiali in Cilento, Coldiretti: serve l’esercito

L’esercito per combattere i cinghiali. Lo dice la Coldiretti Salerno che lancia l’allarme contro un’emergenza ormai fuori controllo.

“L’ennesima invasione di cinghiali in un centro abitato in provincia di Salerno dimostra che l’emergenza ungulati è ormai fuori controllo. È necessario un intervento deciso da parte degli enti preposti affinché siano varate misure concrete da attuare immediatamente”. Lo dichiara il presidente di Coldiretti Salerno, Vittorio Sangiorgio, commentando l’“invasione” alla sede del Parco nazionale del Cilento e Vallo di Diano, di Vallo della Lucania, di un branco di cinghiali.

“Bisogna tutelare non solo i terreni, gli orti e le coltivazioni ormai a rischio di devastazione quotidiana – spiega Sangiorgio – ma anche le persone che vivono nell’entroterra e nelle aree rurali, perché ormai gli ungulati si spingono fin nei centri abitati, creando problemi di igiene e di sicurezza. Purtroppo il problema è ancora sottovalutato, nonostante gli avvistamenti sempre più frequenti a ridosso dei centri abitati. Serve – continua Sangiorgio – una strategia congiunta, coordinata dalla Prefettura di Salerno, con la Regione Campania, i Comuni e l’Ente Parco, per mettere in campo un immediato intervento di contenimento dei cinghiali, per difendere la sicurezza dei cittadini e le eccellenze agricole del territorio, tutelando i coltivatori che vedono quotidianamente distrutti i loro raccolti”. “Intervenga l’esercito – propone Sangiorgio – per contenere questo fenomeno dove ormai gli ungulati “battono” puntualmente l’uomo. I cittadini sono scoraggiati e chiedono risposte immediate: ormai in molti credono che il problema non si voglia risolvere per giustificare la richiesta di risorse sia per il risarcimento dei danni sia per “progetti” che non risolvono nulla ma sprecano ingente denaro pubblico”

Top
Ti suggeriamo di leggere Attualità, Homepage
centrale_biomasse
Capaccio: i medici di famiglia dicono no alla centrale a biomasse

carabinieri-notte
Sorpresi a spacciare droga sul litorale, arrestato extracomunitario

corridoio_ospedale
UNISA: si inaugura oggi il Polo Universitario Professioni sanitarie

Chiudi