Anche in un altro comune del Cilento si divorzia a 16 euro - Info Cilento
Montella Prisma Arredo
Casa San Pio
Caseificio Campolongo
Plasticart
Attualità

Anche in un altro comune del Cilento si divorzia a 16 euro

divorzio

Un altro comune del Cilento ha introdotto il divorzio breve: ci si separa con 16 euro.

Anche in un altro comune del Cilento si divorzia a 16 euro

Un altro comune del Cilento ha introdotto il divorzio breve: ci si separa con 16 euro.

ALTAVILLA SILENTINA. Stop ad attese infinite e spese per avvocati e procedure legali. Da oggi anche ad Altavilla Silentina per separarsi bastano solo 16 euro. La giunta comunale, guidata dal sindaco Antonio Marra, ha approvato la proposta di istituzione del diritto fisso per gli accordi di separazione consensuale, richiesta congiunta di scioglimento o di cessazione degli effettivi civili del matrimonio nonché modifica delle condizioni di separazione o di divorzio conclusi dinnanzi all’ufficiale di Stato civile. L’introduzione del diritto fisso viene in seguito alla pubblicazione del decreto legge n.132 del 12 settembre 2014 che prevede la possibilità che i coniugi possano concludere, davanti al sindaco in qualità di Ufficiale dello Stato civile, presso il Comune di residenza di uno dei due o quello in cui è stato trascritto l’atto di matrimonio, un accordo di separazione personale, un accordo di scioglimento o cessazione degli effetti civili del matrimonio, quindi il divorzio, o la modifica delle condizioni di separazione o divorzio. La procedura è semplice. Basta recarsi in Comune, con o senza avvocato, e firmare l’apposito documento redatto dall’Ufficiale di Stato civile, che non potrà contenere clausole relative al patrimonio dei soggetti coinvolti. Esclusi dalla possibilità di avere accesso a questa nuova procedura sono i coniugi con figli minorenni, maggiorenni incapaci, portatori di handicap grave o economicamente non autosufficienti. E’ possibile, tuttavia, anche ripensarci. Dopo la prima convocazione, infatti, in cui si sottoscrive la separazione, l’Ufficiale di Stato è tenuto a convocare i coniugi una seconda volta, non prima di trenta giorni, per la conferma dell’accordo. La mancata comparizione equivale a mancata conferma dell’accordo. Se l’accordo riguarda la separazione, i tre anni per richiedere il divorzio decorreranno dalla data dell’atto contenente l’accordo di separazione concluso davanti all’Ufficiale dello stato civile.

Top
Ti suggeriamo di leggere Attualità, Homepage
frana
Frana la strada, le famiglie a Renzi e Mattarella: “Isolati da due anni”

esondazione_sele
Allarme per il Sele: “Bisogna intervenire subito”

ospedale_eboli
Morto Nicola Maiale, disposti funerali in forma privata

Chiudi