Adescava minori, denunciato - Info Cilento
Montella Prisma Arredo
Casa San Pio
Caseificio Campolongo
Plasticart
Cronaca

Adescava minori, denunciato

polizia

Identificato e deferito all’Autorità Giudiziaria dai poliziotti del Commissariato di Pubblica Sicurezza di Sarno un professionista ultrasettantenne residente nell’Agro nocerino – sarnese, autore di un tentativo di adescamento di un ragazzino 14enne, finalizzato al compimento di atti sessuali.

Adescava minori, denunciato

Identificato e deferito all’Autorità Giudiziaria dai poliziotti del Commissariato di Pubblica Sicurezza di Sarno un professionista ultrasettantenne residente nell’Agro nocerino – sarnese, autore di un tentativo di adescamento di un ragazzino 14enne, finalizzato al compimento di atti sessuali.

L’episodio è accaduto il 29 settembre scorso, nei pressi della Scuola frequentata dal minorenne, il quale all’orario di uscita è stato avvicinato dall’anziano che lo ha invitato a salire a bordo della sua autovettura per andare a mangiare un gelato insieme offrendogli anche una banconota da 50,00 Euro.
Il ragazzino, dopo aver rifiutato le avances dell’adescatore, dimostrando prontezza e lucidità di giudizio, ha annotato il numero di targa dell’autovettura consegnandolo successivamente alla madre, alla quale ha raccontato l’episodio.
La denuncia presentata dalla madre presso gli Uffici del locale Commissariato di Polizia ha fatto sì che gli agenti identificassero in breve tempo l’autore del reato, non solo risalendo all’intestatario del numero di targa, ma anche mediante il riconoscimento dell’adescatore tramite una foto mostrata alla giovane vittima.
L’utrasettantenne è stato pertanto denunciato per il reato previsto dalla nuova normativa europea e introdotto in Italia con l’articolo 609 undecies del codice penale, che punisce chi tenta di adescare una persona minore degli anni 16 anche tramite internet.
L’attività della Polizia di Stato contro questo tipo di reati è sempre effettuata con particolare attenzione soprattutto alla prevenzione.
A tal fine, infatti, sono realizzati periodicamente progetti di educazione alla legalità nelle Scuole di ogni ordine e grado della nostra provincia, nel cui corso i poliziotti mettono in guardia gli alunni sulle modalità di adescamento solitamente utilizzate dai pedofili, volto a carpire la fiducia del minore attraverso artifici, lusinghe o minacce anche mediante l’uso di internet e dei social network.

Top
Ti suggeriamo di leggere Cronaca, Homepage
tribunale
Trovata in casa con la marijuana: rimessa in libertà

polizia
Registra con il cellulare gli esami di avvocato: arriva la polizia

carabinieri_auto1
Cilento: 46enne trovata morta in casa dopo quattro giorni

Chiudi