Vibonati conquista il primo round contro le Poste: lo sportello resta aperto - Info Cilento
Casa San Pio
Spazio Disponibile
Scuola Nuova
Attualità

Vibonati conquista il primo round contro le Poste: lo sportello resta aperto

L’ufficio postale di Vibonati, almeno per il momento, non chiuderà. Il Consiglio di Stato su ricordo del comune ha concesso la sospensiva al provvedimento di Poste Italiane.

Vibonati conquista il primo round contro le Poste: lo sportello resta aperto

L’ufficio postale di Vibonati, almeno per il momento, non chiuderà. Il Consiglio di Stato su ricordo del comune ha concesso la sospensiva al provvedimento di Poste Italiane.

VIBONATI. Lo scorso 17 settembre la Presidenza del Consiglio di Stato, ha concesso la sospensiva in merito alla vicenda della razionalizzazione degli orari di apertura dell’ufficio postale di Vibonati capoluogo.
Il provvedimento è stato notificato a Poste SPA che dovrà immediatamente ripristinare l’apertura, per l’intero orario settimanale.

L’amministrazione comunale aveva intrapreso le vie legali, ritenendo la decisione di Poste inopportuna quanto illegittima.
Inoltre, auspicando una composizione bonaria della vicenda, il Consiglio comunale, con deliberazione unanime, aveva comunicato a Poste italiane la disponibilità del Comune di Vibonati a farsi carico dell’affitto pagato per i locali in cui ha sede l’ufficio.
Ad oggi, Poste Italiane, nonostante i continui solleciti, non ha dato risposte.

«Abbiamo sempre considerato l’atteggiamento di Poste, lesivo dei diritti dei cittadini, soprattutto per quanto riguarda gli anziani ma siamo motivati a intraprendere qualsiasi strada, pur di impedire che ciò si realizzi – commenta il sindaco Massimo Marcheggiani – Altrettanto farà Poste, ma aspettiamo fiduciosi la decisione nel merito, intanto, il primo risultato è raggiunto, l’ufficio resterà aperto».

Ti suggeriamo di leggere

Top
Altro... Attualità, In Primo Piano
Da Amalfi a Sapri a nuoto: l’impresa di Francesco Valitutti

Cilento: da quattro giorni senz’acqua. I cittadini: «Siamo disperati»

La questione cinghiali approda in Parlamento: presto un piano nazionale

Chiudi