AttualitàIn Primo Piano

L’appello dei sindacati: “Riaprire l’unità psichiatrica del San Luca”

Advertisement

Riaprire l’unità di psichiatria dell’ospedale di Vallo della Lucania, ecco l’appello dei sindacati.


VALLO DELLA LUCANIA. Con una nota inviata ai vertici dell’Asl Salerno, la Uil-Fpl, ha rivolto un appello affinché si provvede all’immediata riapertura del reparto di psichiatria dell’ospedal San Luca. L’unità ospedaliera, infatti, è chiusa da ben sei anni, a seguito del caso Mastrogiovanni.

Per il segretario alle politiche sanitarie della Uil, Biagio Tamasco, “E’ proprio da quel caso, tristemente noto, che si vuole ripartire”. Quel caso ha insegnato – spiega – che determinate carenze assistenziali possano, una volta appurate tutte le responsabilità, fare da volano per migliorare l’assistenza ad una parte di popolazione già debole di suo e che non trova alcun riscontro nella cosiddetta società civile”.
“E’ impensabile tenere ancora chiusa una unità operativa che ad oggi, con i lavori che lì si sono
svolti, rappresenti un gioiellino nel panorama psichiatrico nazionale – scrive nella nota la Uil – senza dimenticare i quattro posti dedicati all’acuzie che il protocollo operativo per la psichiatria aveva previsto e finora mai utilizzati. Molti sono stati gli interventi apportati al nosocomio vallese per il contenimento del rischio legato alla presenza di pazienti psichiatrici, tra gli ultimi quello di posizionare le barre nella tromba delle scale per evitare cadute accidentali e/o volontarie, ma che senso hanno tutti gli interventi effettuati se quel reparto rimane chiuso, con la conseguenza che i pazienti psichiatrici vengano di fatto deportati presso altre unità ospedaliere, vedi Sant’Arsenio, già al limite dell’accoglienza e sull’orlo del tracollo organizzativo”.

“Chiediamo – è l’appello della Uil al commissario dell’Asl unica salernitana – un atto di coraggio e di giustizia sociale, reperendo le risorse necessarie all’immediata riapertura del reparto di Psichiatria di Vallo della Lucania, di certo saranno in tanti a ringraziarla”.

Continua a leggere su InfoCilento.it


CONTINUA A LEGGERE

Sergio Pinto

Inizia da giovanissimo l'attività di giornalista, dapprima collaborando per una radio locale, poi fondando un free press nel territorio di Casal Velino. Successivamente ha lavorato con i quotidiani "La Città", "Il Mattino" e "L'Opinione". Fondatore della casa editrice e studio di comunicazione Qwerty, è stato editore e direttore responsabile del mensile "L'Informazione", distribuito su tutto il territorio cilentano. Dal 2009 è direttore di InfoCilento.

Hai Ad Block Attivo

InfoCilento.it è un porale gratuito e si mantiene grazie alla pubblicità. Non adottiamo alcuna forma di pubblicità invasiva, fastidiosa o pericolosa. Per questo se vuoi continuare a usufruire dei servizi di InfoCilento.it disattiva AdBlock per questo sito. Per farlo clicca con il pulsante destro del mouse sull'icona di AdBlock e seleziona "Sospendi su questo sito". In questo modo potrai continuare a visitare InfoCilento.it e accedere a tutti i suoi contenuti. Grazie!