Anche negli Stati Uniti avranno la Madonna del Sacro Monte Gelbison - Info Cilento
Montella Prisma Arredo
Casa San Pio
Caseificio Campolongo
Plasticart
Attualità

Anche negli Stati Uniti avranno la Madonna del Sacro Monte Gelbison

santuario3

Anche negli Stati Uniti d’America ci sarà una Madonna del Sacro Monte Gelbison.

Anche negli Stati Uniti avranno la Madonna del Sacro Monte Gelbison

Anche negli Stati Uniti d’America ci sarà una Madonna del Sacro Monte Gelbison.

GIOI. Una Madonna del Sacro Monte Gelbison anche negli Stati Uniti. Il Millenario culto della Madonna del Sacro Monte è vivo anche in quelle terre di lavoro, e di italiani del Sud, per merito degli emigrati gioiesi, di San Mango Cilento e Novesi con altri cilentani che, a distanza di migliaia di chilometri, rinnovano la propria fede alla Vergine del Monte di Novi Velia, in concomitanza con l’apertura del vetusto santuario cilentano.

In onore della Vergine del Sacro Monte gli emigranti cilentani da alcuni anni organizzano una festa nel New Jersey alla quale partecipano centinaia di gioiesi e ciletani che rinnovano la fede con una processione solenne per le vie da Newark fino al monastero “Holy foce”.

La festa si svolge il 30 maggio di ogni anno. Nella primavera scorsa la ricorrenza religiosa ha visto la presenza di oltre 300 persone, emigrati e figli di emigrati, che in processione hanno portato le antiche cinte di candele per tutto il tratto percorso dall’antica statua. Secondo la rivista SOGNA, il noto periodico degli emigranti gioiesi e cilentani, questa statua era stata trafugata dal santuario (e quella venerata sulla vetta del Gelbison sarebbe, secondo alcuni, una riproduzione dell’originale) e spedita in America dove per lungo tempo era stata dimenticata in un negozio di arredi sacri e stava per essere spedita in Arizona quando venne acquistata da un discendente di cilentani di San Mango Cilento, per parte materna, Pat (Pasquale) O’ Boile e così è rimasta nel New Jersey, dove è venerata nella chiesa del Carmine, in Newark, di cui è parroco mons. D’Ambrosio,anch’egli oriundo cilentano.

La statua viene trasportata da Newark fino al monastero “Holy Foce” e ritorno nella sua chiesa del New Jersey. Alla festa religiosa i nostri emigranti uniscono la “scampagnata” con divertimenti pic nic all’aria aperta, canti e balli popolari.

Top
Ti suggeriamo di leggere Attualità, Homepage
guardia_costiera
Pesca in area protetta, multato un pescatore

franco_chirico
Consorzio irriguo di Vallo della Lucania, Chirico resta al suo posto

sapri_panorama
Al via “Sapri anni ’60”: arrivano Sal Da Vinci, Pupo, Leali, Ranieri e tanti altri

Chiudi