Il residence della discordia a Pioppi è scontro politico fra Giuseppe Tarallo e il sindaco Stefano Pisani - Info Cilento
Montella Prisma Arredo
Casa San Pio
Caseificio Campolongo
Plasticart
Attualità

Il residence della discordia a Pioppi è scontro politico fra Giuseppe Tarallo e il sindaco Stefano Pisani

pioppi

Una controversia estiva sul residence della discordia di Pioppi. E’ scontro politico tra l’ex sindaco del parco Giuseppe Tarallo e il sindaco di Pollica Stefano Pisani.

Il residence della discordia a Pioppi è scontro politico fra Giuseppe Tarallo e il sindaco Stefano Pisani

POLLICA. Una controversia estiva sul residence della discordia di Pioppi. E’ scontro politico tra l’ex presidente del parco Giuseppe Tarallo e il sindaco di Pollica Stefano Pisani.

La disfida sulla realizzazione di un residence a Pioppi sembrava vicina all’epilogo. E invece l’ex presidente del Parco nazionale del Cilento, Peppe Tarallo, torna sull’argomento e attacca l’amministrazione a suon di post su Facebook. La querelle nasce in due tempi. Prima parte mesi fa, quando Tarallo ha presentato esposto alla Procura di Vallo e Salerno per chiedere la revoca degli atti e dei permessi a costruire perché la struttura «cade in zona protetta». La seconda è di pochi giorni fa: «A Pioppi è in atto una speculazione edilizia in un’area interdetta all’edificabilità», scrive in una denuncia sul social. Con tanto di motivazioni: «L’insediamento sorge nella fascia di rispetto di ben 150 metri – scrive – il progetto è carente di una Valutazione Ambientale Strategica, la zona è classificata ‘Riri’ e non è mai previsto esplicitamente idonea a insediamenti turistico-ricettivi ma a (singoli) interventi turistico-ricettivi (agriturismi,country house trattandosi di zona rurale), il piano del Parco aveva classificato la zona come C (protezione, a carattere rurale) e per questo il primo parere reso dall’ente Parco è stato non favorevole».

Al centro della discordia c’è la realizzazione di un residence a Pioppi da parte della società Baia di Pioppi srl, che prevede la costruzione di sei blocchi per un totale di 40 camere, con annessi bar, ristorante, piscine su un terreno di 10.795 metri quadrati. Nella sua ultima denuncia su Facebook Tarallo ha anche detto che «da quando il famoso servizio di Presa diretta consacrò Vassallo e il suo comune come simboli della bella politica caratterizzati da zero cemento e zero mattoni ora si possono alzare una selva di pilastri in un alveo di un fiume che nessuno li vede e nessuno li blocca».
«Prima di me è stato prodotto un piano regolatore, un piano del Parco e un piano paesaggistico preesistente. – spiega al giornale del Cilento il sindaco di Pollicia Stefano Pisani – Ci sono state delle attività di pianificazione sul territorio che hanno previsto di realizzare quel tipo di struttura, che rientra nel piano regolatore, che già prima di me è stato redatto da Angelo Vassallo. Ma ognuno dice ciò che vuole. – minimizza il primo cittadino – A me interessa la legittimità amministrativa prodotta degli atti, e nonostante tutto noi ci siamo prodigati affinché ci fosse un ulteriore controllo di legittimità presso la magistratura, so che c’è un Ctu che sta verificando gli atti».
Pisani poi sottolinea che nel piano urbanistico di Pollica non è consentita l’edificazione di nuove abitazioni «perché ne abbiamo in abbondanza – dice – e cerchiamo di riqualificare l’esistente, ma abbiamo bisogno di costruire attività di servizio al turismo che consentano di abbattere la pressione turistica che invece rischia di creare scompensi enormi. Dobbiamo riformulare l’offerta turistica in funzione del cambio strutturale che si sta verificando nella domanda turistica, ma tutto perfettamente compatibile con le evoluzioni». «I mostri ed ecometri sono altri, – poi aggiunge Pisani – ci sono invece elementi che aumentano la competitività del nostro territorio. Tarallo dovrebbe ricordare che il 3 per cento del territorio del Parco è edificato, il 97 per cento è integro. E Pollica ha rinunciato a una enorme parte di zona che il Parco aveva definito essere una zona di espansione, ettari ed ettari cercando di coltivare un approccio diverso, di ampliare i servizi intorno agli abitati».
«A Pollica non siamo infallibili – prosegue il primo cittadino – ma mi chiedo: quando Tarallo è stato presidente del Parco cosa ha costruito? Perché non vedo nulla sul territorio. E mi chiedo: se anziché avere un albergo come quello che si sta per realizzare a Pioppi, avessimo seconde case con letti sporchi e mobili rotti e che nessuno va a verificare, sarebbe meglio? Nei miei territori vado a vedere i miei cittadini cosa fanno – sottolinea – subiscono sanzioni o vengono premiati. Ma quanti lo fanno? Interroghiamoci su altro. e conclude – Sulla struttura c’è un provvedimento amministrativo concluso positivamente, ci sono degli atti per cui ora la magistratura ne sta verificando la legittimità, se ci saranno risvolti negativi faremo quanto dovuto eventualmente, ma per noi per ora è perfettamente legittimo».

Top
Ti suggeriamo di leggere Attualità, Homepage
La squadra "accerchia" il direttore Magna (foto Angelo Gasparro)
Calcio, Serie D: l’Agropoli punta in alto. Magna: “Fatto un buon mercato”

amedeo_norci
Basket, Serie C: la Cilento Basket riparte dal suo capitano

cala_cefalo
L’allarme degli esperti: “Cala del Cefalo rischia di scomparire”

Chiudi