Il cinema italiano continua a scegliere il Cilento come set - Info Cilento
Montella Prisma Arredo
Casa San Pio
Caseificio Campolongo
Plasticart
Attualità

Il cinema italiano continua a scegliere il Cilento come set

tosca_daquino
Il cinema italiano continua a scegliere il Cilento come set

Il Cilento torna una location prestigiosa per il cinema italiano. Dopo il “Pesce Pettine” con protagonista Stefania Sandrelli, “Meridione Mon Amour” di Gianluca Menta (le cui riprese sono in corso ad Agropoli), altre produzioni cinematografiche hanno scelto il territorio a sud di Salerno: Perdifumo ha ospitato il set del Film “Ignoti gli autori del delitto” con Carmine Monaco, che nella serie Gomorra impersonava “o’ track”, mentre nei giorni scorsi è stato annunciato che in alcuni antichi borghi del territorio sarà girato “Veleni”, per la regia di Nadia Baldi e sceneggiata da Ruggero Cappuccio.

Tra i protagonisti Vincenzo Amato, Tosca D’Aquino e Lello Arena.

La Trama: Siamo nel 1950 circa, in un luogo non luogo dell’entroterra, probabilmente del sud Italia, dove vivono solo donne, ormai da anni, a causa della guerra e dell’emigrazione; con loro tre uomini: Il farmacista Oreste, Melograno, un eccentrico e divertentissimo vagabondo che percorre stradine con un carretto sul quale è collocato un vecchio grammofono che diffonde nella vallata le note dei capolavori del melodramma europeo, e don Egidio, parroco della comunità.
E’ defunto, in circostanze misteriose, il medico del paese (nonché marito di Bianca) il Dott. Bonadies. Il suo funerale è l’occasione per il ritorno a casa del figlio Antonio, un giovane timido e riservato che vive, da quando era fanciullo, in un collegio di Gesuiti dove oggi insegna. Questo ritorno a casa porta a galla ricordi, dinamiche familiari singolari, vecchi amori e scoperta di parentele inimmaginate.
Tra i filtri, che procurano estasi ed euforia, e le pozioni velenifere della madre Bianca e di sua sorella Dianora, si scoprirà che non tutto ciò che si vede è reale.

Il film verrà girato quasi esclusivamente nel Cilento, tra i paesi che realmente, negli anni Cinquanta, hanno vissuto in un isolamento particolare rispetto al resto d’Italia, e che conservano quasi intatto il fascino dei vecchi centri.

Leggi anche la storia dei film girati nel Cilento e Vallo di Diano
Parte I
Parte II
Agropoli

Top
Ti suggeriamo di leggere Attualità, Homepage
VISITA C.TE INTERREGIONALE
Il Comandante Piccinni in vista alla sede del Comando Provinciale di Salerno della GdF

carabinieri_auto2
Furti nel Cilento, due arresti e una denuncia

montano_antilia_panorama
Oltre duecento scout in visita nel Cilento

Chiudi