Benvenuti al sud e al nord, gemellaggio tra le bande di Castellabate e Piobbico - Info Cilento
Montella Prisma Arredo
Casa San Pio
Caseificio Campolongo
Plasticart
Attualità

Benvenuti al sud e al nord, gemellaggio tra le bande di Castellabate e Piobbico

castellabate_panorama

Due bande, con il filo conduttore dei film record di incassi “Benvenuti al sud” e “Benvenuti al nord”. Il Concerto bandistico Santa Cecilia di Castellabate è stata immortalata nella prima pellicola, la banda cittadina di Piobbico nel sequel ambientato in diverse località settentrionali, tra cui per l’appunto il Comune marchigiano che è in provincia di Pesaro-Urbino.

Benvenuti al sud e al nord, gemellaggio tra le bande di Castellabate e Piobbico

Due bande, con il filo conduttore dei film record di incassi “Benvenuti al sud” e “Benvenuti al nord”. Il Concerto bandistico Santa Cecilia di Castellabate è stata immortalata nella prima pellicola, la banda cittadina di Piobbico nel sequel ambientato in diverse località settentrionali, tra cui per l’appunto il Comune marchigiano che è in provincia di Pesaro-Urbino.

Lunedì 1° giugno e martedì 2 giugno, le due formazioni si incontreranno a Castellabate dove daranno vita a momenti di interscambio culturale e saranno protagoniste di un concerto congiunto, alla presenza di una rappresentanza delle rispettive Amministrazioni comunali.
Già lo scorso settembre il Concerto bandistico Santa Cecilia ha fatto visita alla città di Piobbico ed ha incontrato la banda cittadina. Il programma cilentano prevede per il 1° giugno alle ore 17,30 la sfilata per le vie di Castellabate delle due bande. Alle ore 18,30 corte interna del castello dell’abate concerto congiunto e scambio di doni per la cerimonia di gemellaggio. Il 2 giugno, in occasione delle celebrazioni della Festa della Repubblica, le due bande sfileranno per le vie di Santa Maria a partire dalle ore 10, dopo la cerimonia di deposizione di una corona di fiori davanti al Monumento ai caduti in piazza Lucia.

«Queste due formazioni costituiscono una straordinaria ricchezza per i nostro territori, dal momento che promuovono la cultura musicale e tramandano le tradizioni alle nuove generazioni – spiega il sindaco Costabile Spinelli – L’idea di unirle in un simbolico gemellaggio è partita dal successo dei film in cui sono apparse le bande. Il potere della musica va, però, anche oltre: grazie alle sue altissime capacità espressive riesce, infatti, a superare ogni barriera, sia dello spazio che del tempo, e si fa intendere anche da chi parla lingue diverse, ha età differenti ed appartiene a culture eterogenee».

Top
Ti suggeriamo di leggere Attualità, Homepage
carabinieri_blocco
Controlli sulle strade del Vallo di Diano, due giovani denunciati

Meteo: ecco le previsioni per il week end
vallo_lavori
Nasce Viviamo Vallo, la nuova associazione di commercianti e artigiani

Chiudi