Confetti Maxtris
Confetti Maxtris
Ciccimmaretati - Stio
Hard and Soft House
Scuola Nuova
Attualità

Giovani europei ospiti per dieci giorni ad Albanella

Giovani europei ospiti per dieci giorni ad Albanella

ALBANELLA. Approvato il progetto “Je suis Charlie? Nous sommes UE”, presentato dal Comune, retto dal sindaco Renato Iosca, in collaborazione con l’associazione culturale giovanile Moby Dick.

Giovani europei ospiti per dieci giorni ad Albanella

ALBANELLA. Approvato il progetto “Je suis Charlie? Nous sommes UE”, presentato dal Comune, retto dal sindaco Renato Iosca, in collaborazione con l’associazione culturale giovanile Moby Dick.

Il progetto si inserisce nell’ambito del programma “Erasmus+” e si basa sulla partecipazione giovanile e il dialogo interculturale. Saranno 31 i giovani, provenienti da Austria, Albania, Irlanda e Croazia che, dal 14 al 24 luglio 2015 arriveranno sul territorio albanellese e vivranno per 10 giorni con un gruppo di giovani del posto che l’amministrazione provvederà a selezionare tramite avviso pubblico. “I ragazzi – afferma l’assessore alle politiche sociali del Comune di Albanella, Rossella Vairo – potranno scambiarsi opinioni e valori, per una crescita sia personale che del territorio. Saranno tante e variegate le attività che li vedranno impegnati, come laboratori, attività all’aperto in un’alternanza di momenti di formazione, informazione e svago”. I 31 giovani saranno ospitati per una settimana all’interno dell’Hotel Paradiso, mentre per i restanti tre giorni in 4 tende canadesi da otto posti ciascuna, allocate all’interno dell’Oasi Bosco Camerine. I partecipanti matureranno un importante bagaglio di esperienze, sia a livello linguistico che culturale, ma anche sotto l’aspetto della capacità di adattamento, di apprendimento e del senso di iniziativa. Importante darà anche l’educazione all’uguaglianza formale e sostanziale
in materia di diritti e doveri nei contesti sociale, politico e religioso. Lo staff esperto di Moby Dick guiderà i giovani all’educazione ed al rispetto delle diversità, partecipando attivamente alla crescita individuale e di gruppo.

Commenti

Altri contenuti

Top