Il Cilento, i suoi dialetti e i sistemi vocalici

notizie

Il Cilento, da territorio abbastanza ampio, comprende non poche varietà linguistiche.Vicino da una parte a Napoli, e dall'altra alla Basilicata e alla Calabria, si fa infatti serbatoio di vari idiomi, distinti in linguistica per due diversi sistemi vocalici. Il sistema di tipo 'marginale' si rintraccia dalla parte meridionale estrema (golfo di Policastro) fin verso le zone di Ascea e Vallo della Lucania, mentre quello 'napoletano', compreso nel più ampio sistema del romanzo comune, si riscontra al di sopra di Vallo della Lucania per incontrare ad Eboli altri significativi tratti linguistici, che fanno parte più specificamente del 'napoletano' e non, genericamente, del 'campano'.

Il tipo vocalico 'marginale' del basso Cilento è riconducibile al vocalismo siciliano, e ciò spiegherebbe le frequenti 'u' finali in luogo di 'o' nel dialetto basso-cilentano, ad esempio. Diversi gli studi di autorevoli studiosi in merito alla questione del vocalismo marginale nel Cilento e varie le posizioni riguardo il perché della sua persistenza anche di fronte al prestigio di cui ha goduto il napoletano. Pertanto due sono le tendenze sullo studio di questo tema: taluni sostengono che in passato il vocalismo siciliano fosse presente in tutta la Campania e che in un secondo momento l'idioma partenopeo, ottenuto un certo peso, arrivò ad influenzare solo fino ad un certo punto il Cilento, mentre altri suppongono il contrario, e cioé che su un territorio linguisticamente 'campano' un influsso siciliano abbia attecchito soltanto in zone periferiche, al confine con la Basilicata. È però unanime la tesi per cui nel Cilento si stia affermando un vocalismo di tipo napoletano.

GIORNATA NAZIONALE DEL DIALETTO – TRADUZIONE IN LINGUA LOCALE

'U Cilendo, ra territorio tandu gruosso, tene tande varietà ri lingue. Vicinu ra na parte a Napoli, e da l'ata a la Basilicata e a la Calabria, si faci 'nfatti serbatoiu ri vari lingue, distinde 'nda a linguistica pi ddui diviersi sistemi vucalici. 'U sistema ri tipu 'marginale' si rintraccia ra la parte meridionale estrema (golfo ri Pulicastro) fino a versu li zone r'Ascea e Vallo della Lucania, mentre chiddu 'napulitano', compreso nda u cchiu ampiu sistema r'u romanzo comune, si riscontra ra coppa a Vallo della Lucania pì 'ncuntrà a Eboli ati significativi tratti linguistici, ca fanu parte cchiu specificamente r'u napulitano e no, genericamente, ru 'campano'. 'U tipo vocalicu 'marginale' ru basso Cilendo è riconducibile a 'u vocalismu sicilianu, e chistu spiegherebbe i frequenti 'u' finali 'nvici ri 'o' nda u dialettu bassu cilendano, ppi esembiu. Diviersi i studi ri autorivuli sturiosi in mierito a la questiune ru vocalismo marginale nda u Cilendo e varie i posizioni riguardo a u picchì r'a sua persistenza puru di fronde a lu prestigiu ri cui ha gurutu 'u napulitano. Pertanto rui su i tendenze 'ngoppa 'u studio ri chistu tema: taluni ricono ca nda u passatu u vucalismo siciliano fusse presente nda tutta 'a Campania e nda nu secundu mumendo l'idioma partenopeo, ottenuto nu certu peso, arrivò a influenzà sulu fino a nu certu pundo 'u Cilendo, mendre ati suppongono u contrario, e cioé ca ngoppa a nu territorio linguisticamente campano n'influsso siciliano pot'esse attecchito sultanto 'nda i zone periferiche, a u confine c'a Basilicata. È però unanime a tisi pi ccui 'nda u Cilendo si stai affermanno nu vocalismo ri tipo napulitano.

Scopri il nostro ChatBot
Commenti
Top
Condividi su Facebook
Condividi su Twitter
Condividi su Whatsapp
Condividi su Linkedin