A chi giova l'arroganza?

notizie

L'arroganza in politica spesso paga (ne abbiamo illustri esempi da decenni anche a livello nazionale), ma confesso che a me non piace. Mancavo in un dibattito politico da un po' di tempo e ammetto che alcuni atteggiamenti non riesco proprio a comprenderli, figuriamoci condividerli... E allora è giusto non lasciare che le cose scivolino addosso, a me, a chi ci ha ospitato, a chi ci ascoltava. L'esperienza amministrativa di Franco Alfieri in trent'anni vissuti tra Torchiara, Agropoli e l'assessorato ai lavori pubblici in Provincia di Salerno lascia una traccia sotto gli occhi di tutti, opinabile è a volte il merito delle scelte o più spesso il modo.

 Anche l'altra sera a "Cilento Parla", puntata che consacrava la discesa in campo di Alfieri per le elezioni regionali, nel merito delle proposte del sindaco (ospedale, tav, trasporti) si avrà tempo e modo di ritornare, nei modi, ahimè, va sottolineata qualche caduta di stile. Spesso ho criticato alcune prese di posizione tanto di Giovanni Basile che di Consolato Caccamo, ma da sindaco, trattare l'uno da presenza di folklore e l'altro in maniera sarcastica sul contributo dato alla sua elezione denota una mancanza di rispetto che non può essere giustificata dalla pur quotidiana vis polemica politica nei suoi confronti. È bene ricordare a Franco, e non solo a lui, che è più che legittimo cambiare anche idea, solo gli sciocchi non lo sanno fare. Inoltre si dice (e concordo) che gli uomini politici dovrebbero saper perdere ma anche (soprattutto) saper vincere. Soprattutto chi più è avvezzo alle vittorie. Il mio è un semplice consiglio, qui mi fermo, e scusate l'intrusione...

Scopri il nostro ChatBot
Commenti
Top
Condividi su Facebook
Condividi su Twitter
Condividi su Whatsapp
Condividi su Linkedin