Approfondimenti

L’industria del gioco d’azzardo in Europa: i numeri di un fenomeno in crescita

Negli ultimi anni nel Vecchio Continente si è sviluppata una vera e propria cultura del gioco d’azzardo. Ad incidere su questa condizione troviamo sicuramente internet, che ha notevolmente contribuito alla diffusione del gaming. Non è certamente un caso se sempre più spesso testate giornalistiche di rilevanza nazionale e internazionale dedicano articoli di approfondimento, ricerche e dossier su un mercato in mutamento continuo.

In Europa i maggiori fatturati sono mossi dal Regno Unito, che tradizionalmente ha sempre avuto un particolare interesse per le scommesse, soprattutto quelle sportive. Il nostro Paese invece occupa il secondo posto in classifica. Questo predominio tra l’altro prosegue da diversi anni, e non sembra destinato ad incrinarsi. Facciamo insieme il punto della situazione, fornendo qualche numero di un fenomeno in crescita.

I numeri del gioco d’azzardo in Italia

Partiamo proprio dal nostro Paese per fornire dei dati che aiuteranno a far comprendere meglio l’evoluzione del mercato del gioco d’azzardo. Allo stato attuale delle cose, il valore totale del settore si attesta attorno ai 100 miliardi di euro. Ciò che sorprende maggiormente però, non è il valore complessivo del gaming, quanto il tasso di crescita annua che procede a due cifre, oltre il 10%.

A contribuire a questo successo nel corso di questi ultimi anni sono stati entrambi i comparti, quello fisico e quello online, anche se il secondo sicuramente con una velocità maggiore. Grazie al mobile, giocare è diventato più semplice e veloce. Ma in particolar modo, a destare maggiore interesse è il circuito del betting, quindi delle scommesse sportive. Oramai, anche per una questione settoriale, queste vengono considerate un comparto differente. D’altronde i volumi di traffico sempre più alti giustificano pienamente questa diversificazione.

Ovviamente i picchi più alti di puntate si registrano durante i grandi eventi in grado di catalizzare l’attenzione mediatica, come i Mondiali o gli Europei di calcio. Ad ogni modo parliamo di numeri destinati a crescere, data la volontà dei Paesi membri di normare più efficacemente il settore, a danno del gioco illegale. Oltre alle scommesse però, troviamo altri giochi più classici ad essere d’interesse per i consumatori, come le slot machine, le migliori roulette online 2020, i video poker, ed altri ancora.

L’industria europea del gioco d’azzardo

Esattamente come accade in Italia, anche in Europa il gioco d’azzardo rappresenta una vera e propria industria, capace di muovere cifre impressionanti. Basti immaginare che tra le sole società associate EGBA, il giro di affari supera abbondantemente i 20 miliardi di euro. EGBA è l’acronimo di “European Gaming & Betting Association”, ovvero un’organizzazione nata nel 2007 con l’unico scopo di regolamentare in maniera efficace il mercato, rendendolo il più equo possibile. D’altronde mettere i bastoni tra le ruote al mercato illegale, significa spostare i fatturati verso quello legale e controllato.

Gli operatori che fanno parte di EGBA però, allo stato attuale delle cose sono solamente una piccola parte, quindi i fatturati europei sono ben più alti di quelli dichiarati da EGBA stessa. Purtroppo nonostante le nobili intenzioni dell’organizzazione, non tutti i Paesi membri si mostrano d’accordo con le linee guida fornite. Ad ogni modo il settore del gioco d’azzardo e delle scommesse cresce, e in particolar modo lo fa nelle fasce di età comprese tra 33 e i 44 anni, e tra 45 e i 64 anni. Nel primo caso i giocatori dedicano al gioco d’azzardo settimanalmente circa 6,5 ore. Salendo con l’età però, aumenta anche il tempo destinato al gioco.

Prendendo infatti in considerazione la seconda fascia di età, si arriva a circa 7,5 ore settimanali. Per il momento i più giovani sembrano essere meno interessati al fenomeno, forse perché le loro abitudini di gioco sono maggiormente canalizzate verso le consolle. Chiaramente non sono solo i fatturati ad aumentare, perché anche i ricavi viaggiano paralleli. Negli ultimi 5 anni sono arrivati ad attestarsi a 25 miliardi di euro, con un aumento di 10 miliardi rispetto al periodo precedente della stessa durata.

@Riproduzione riservata
Continua a leggere
Continua dopo la pubblicità

Redazione Infocilento

La redazione di InfoCilento è composta da circa trenta redattori e corrispondenti da ogni area del Cilento e Vallo di Diano. E' questa la vera forza del portale che cerca, sempre con professionalità, di informare gli utenti in tempo reale su tutto ciò che accade sul territorio.

Ti potrebbero interessare

Hai Ad Block Attivo

Disattiva Ad Block su questo sito se vuoi continuare a leggere InfoCilento.it