Corleto Monforte, salvataggio 150 metri di profondità: simulazione del Soccorso Speleologico

Nella giornata di ieri la XIV Delegazione di Soccorso Speleologico della Campania ha simulato un complesso recupero nella Grotta del Falco (CP488 del catasto Campania), nel comprensorio del comune di Corleto Monforte, all’interno del Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni. La manovra ha simulato il recupero di uno speleologo infortunatosi all’interno della grotta, ad una profondità di circa 150 metri, nel collettore basale dei monti Alburni.

Le squadre sono quindi state impegnate nella medicalizzazione e stabilizzazione dello speleologo simulante, a cui hanno fornito tutta l’assistenza necessaria prima di sistemarlo nella barella ed iniziare le operazioni di recupero. I tecnici del soccorso speleologico del CNSAS Campania hanno effettuato il recupero con tecniche “smart” e alleggerite. Il percorso della barella si è articolato per 400 metri, attraverso la zona di gallerie sub-orizzontali semi-allagate che costituiscono il ramo verso valle del collettore, per poi continuare lungo i tratti verticali presenti nella parte iniziale della grotta. Le operazioni si sono concluse domenica in mattinata, con l’uscita della barella, partita nel pomeriggio di sabato da una profondità di 150 metri.

CONTINUA A LEGGERE
blank

Ernesto Rocco

Inizia l'attività giornalistica nel 2003, collaborando con il mensile "Il Cilento Nuovo". Successivamente diventa addetto stampa dell'U.S.Agropoli 1921, ruolo che manterrà fino al 2013 e che tornerà a ricoprire negli anni successivi. Nel 2005, fonda il portale InfoAgropoli (divenuto poi InfoCilento), di cui è caporedattore. Dal 2012 è collaboratore de "Il Mattino" e dell'agenzia di stampa Mediapress. Si occupa dell'organizzazione e della gestione di uffici stampa con lo studio di comunicazione Qwerty. Conduce programmi radio e tv sui canali di InfoCilento ed è opinionista e corrispondente di alcune televisioni locali.

Ti potrebbero interessare

Hai Ad Block Attivo

Disattiva Ad Block su questo sito se vuoi continuare a leggere InfoCilento.it