Le 8 professioni più in voga dell’era digitale - Info Cilento
Montella Prisma Arredo
Casa San Pio
Caseificio Campolongo
Plasticart
Homepage

Le 8 professioni più in voga dell’era digitale

espertoux
Le 8 professioni più in voga dell’era digitale

L’incedere dell’era digitale ha generato nuove professioni relazionate con l’evoluzione di internet, il flusso di informazioni ed i servizi connessi alla rete. Alcune nuove figure professionali nate con lo sviluppo di internet richiedono una formazione di grado superiore (laurea specialistica e master postgrado), altre invece non richiedono studi specifici e possono essere apprese tramite tutorial e materiale bibliografico presente su internet.

Lo sviluppo di abilità sociali, lo studio dei modelli di funzionamento di portali o social network, l’osservazione del comportamento degli utenti in determinate situazioni digitali sono fondamentali per alcuni nuovi posti di lavoro che non richiedono una preparazione forense.

Andiamo ad analizzare insieme alcune delle professioni emergenti create dalle nuove tecnologie e dall’uso degli sconfinati mezzi che offre la rete digitale.

Programmatore

programmatore

Si tratta di una delle professioni più ricercate nella Rete, poiché i programmatori sono quelle figure che si occupano di creare i codici che governano portali e servizi, così come i vari dispositivi portatili. I pionieri di questa particolare professione sono adesso a capo di importanti società che producono software, mentre per i nuovi arrivati gli stipendi sono molto più bassi rispetto a prima. Tuttavia, le opportunità di lavoro non mancano, come testimoniano le richieste di molte imprese straniere a inserire nel loro entourage programmatori autonomi. Tale lavoro richiede un livello elevato di formazione, oltre ad alcune competenze apprese tramite il supporto bibliografico e tecnico fornito da diversi siti internet specializzati in programmazione.

Ingegnere multimediale

Questa nuova professione, recentemente inserita anche nei principali atenei europei, si basa sulla padronanza degli strumenti e programmi multimediali per la creazione, visualizzazione e la riproduzione di diversi programmi e file nell’ambito digitale. L’ingegnere non crea programmi multimediali, ma sa come usare questi per riprodurre i video, le immagini, gli audio e la grafica in maniera ottimale nella Rete. Al fianco dell’ingegnere multimediale troviamo anche numerosi video maker autodidatti, che hanno appreso molte di queste competenze attraverso i programmi free di editing e montaggio che offre internet.

Web Designer

webdesigner

Le competenze di un Web designer non si basano esclusivamente sullo studio e la progettazione dell’aspetto estetico che avrà un sito web, ma richiedono anche delle skills aggiuntive. In primis è indispensabile che il design non limiti l’usabilità e l’accessibilità della web, allo stesso modo il layout usato non deve contrapporsi al concetto di servizio o prodotto che si desidera promuovere. I web designer lavorano in simbiosi con programmatori ed esperti in web UX, il cui compito è quello di rendere un sito funzionale tramite l’elaborazioni di codici HTML e applicazioni indispensabili per una navigazione user-friendly. Questa nuova professione non richiede una formazione universitaria specifica, difatti molti dei web designer più ricercati del momento hanno mosso i primi passi su siti come html.it, che da oltre un ventennio rappresenta una sorta di ‘bibbia’ per tutti gli aspiranti e affermati progettisti di siti web.

Architetto Web

L’architetto web organizza una pagina allo stesso modo di come un architetto struttura una casa nel mondo reale. L’obiettivo primario del suo lavoro è che la pagina sia funzionale, ovvero che quando l’utente visita la pagina possa seguire un processo logico e intuitivo per comprenderne l’uso nel più breve tempo possibile. Sulla base di alcune regole di usabilità e accessibilità, l’architetto propone una gerarchia logica delle informazioni nell’ambiente grafico del sito, le quali devono essere correlate tra di loro. La struttura delle informazioni è essenziale per un sito web per essere navigabile. In genere, i professionisti sono provenienti da settori quali il design, il giornalismo o di marketing.

Esperto in UX

Negli ultimi anni sta prendendo sempre più piede il concetto di “user experience” (UX) o esperienza dell’utente. Con questo termine si intende l’insieme dei fattori che rendono una web utile all’utente, in particolare nell’erogazione dei servizi e nell’acquisto di uno o più prodotti. L’UX riunisce il design, la facilità d’uso del sito (usabilità), accessibilità (che è preparato per le persone con disabilità), l’architettura, etc.

Gli esperti in UX decidono le strutture di informazione, i colori di background del web, i font, l’ordine del processo di acquisto, le dimensioni delle immagini, ecc, sulla base di alcuni test che effettuano gli utenti. La tendenza nelle grandi aziende (banche, e-commerce, social network, shopping, etc), è quello di avere un proprio team di UX. In questa posizione si incontrano giornalisti, ingegneri, esperi provenienti dal mondo del marketing e anche designer.

Giocatore di poker online

La Rete ha dato origine anche a particolari professioni, tra queste annoveriamo il giocatore di poker online. Il 2011 ha segnato l’anno del boom per il tavolo verde grazie ad un’ampia esposizione mediatica e alla nascita di programmi tv dedicati ai grandi tornei dell’EPT (European Poker Tour) e ai tornei del circuito americano, un successo globale che si è tramutato in una vera e propria nuova tendenza. Parallelamente ai tornei televisivi si è registrata un’esplosione anche nel numero di tornei online, con decine di migliaia di utenti a sfidarsi nelle room virtuali ospitate dai migliori siti del settore, come il pioniere online PokerStars. La voglia di emergere nei vari tornei online contro players molto preparati e il desiderio di trasformare la propria passione in una sorta di lavoro, ha portato migliaia di appassionati a studiare approfonditamente tutte le strategie e le regole del gioco, oltre a testare le proprie abilità sulle room virtuali gratuite di poker  ospitate da alcuni siti specializzati. Tra i nostri portacolori spicca Luca Pagano, protagonista di diversi tornei online e dal vivo, che grazie al poker ha trovato una forma alternativa e più emozionante di guadagnarsi da vivere. Pagano ha associato la sua passione per il poker con quella per l’imprenditoria fondando anche una società che si occupa dell’organizzazione di eventi legati al tavolo verde.

Blogger influencer

Non solo programmatori o architetti del web, la Rete ha contribuito a forgiare nuove professioni che non richiedono competenze ingegneristiche di programmazione approfondite, ma solo la conoscenza e lo studio di alcuni strumenti che internet offre gratuitamente a milioni e milioni di utenti. Negli ultimi due anni abbiamo assistito al boom di una nuova figura come quella dell’influencer. Nello specifico si tratta di blogger particolarmente attivi sulle rete sociali, in particolare Facebook, Twitter e Instagram, che vengono reclutati dalle grandi imprese per testare e promuovere i loro prodotti. Questa nuova professione non richiede studi specifici o master di alto livello, ma un’ottima conoscenza dei social e delle tendenze del momento appresa gratuitamente nel tempo tramite la navigazione quotidiana su internet e l’interazione con gli altri utenti sui social.

Community Manager

community manager

Nell’ambito dei social, non possiamo evitare di menzionare la figura del community manager, divenuta ormai indispensabile per tutti i siti internet. Il community manager gestisce le relazioni social di un’impresa o di un giornale, soprattutto su Facebook e Twitter, ma anche sui social di minor rilievo. Sono persone specializzate nel comunicare le novità positive di un brand, nella diffusione virale dei contenuti e nella funzione nota in inglese come reputation managment, ovvero quella di tutelare il brand evitando il diffondersi di notizie false o negative. E’ una professione che richiede un’approfondita conoscenza corporativa, oltre ad alcune strategie marketing della Rete, alla privacy e al comportamento degli utenti nella rete. Il community manager lavora e dipende dal team marketing.

 

Top
Ti suggeriamo di leggere Homepage, Redazionale
tribunale
Omicidio Tonkoshkuro, ridotta la condanna a Dmytro Zastavnetskyi

bccmontepruno_roscigno
Bcc Monte Pruno: ieri nomina delle cariche durante la prima seduta del Consiglio di Amministrazione

tribunale
Processo Mastrogiovanni, rinviata l’udienza a luglio

Chiudi