La Campania si...mette in gioco - Info Cilento
Montella Prisma Arredo
Casa San Pio
Caseificio Campolongo
Plasticart
Attualità

La Campania si…mette in gioco

campania_gioco

La Campania si…mette in gioco

La Campania si…mette in gioco

Un fenomeno esploso prepotentemente negli ultimi 15 anni con un’età media in costante e continua discesa.

Stiamo parlando del gioco d’azzardo, o gambling, a seconda di come lo si vuole chiamare, e della sua diffusione in Italia e soprattutto nella regione Campania. Spiccano Salerno e la sua provincia, ma anche Napoli e Avellino non sono esenti dal contagio. Ovviamente, l’abbassamento dell’età sopracitato, è causato dallo sviluppo sempre più massiccio delle nuove tecnologie, come smartphone, iPhone e tablet, e di app facilmente scaricabili sugli store IOS e Android, ma anche dalla creazione di numerosi siti specifici attraverso cui è possibili giocare tramite un pc.
Il legame indissolubile e sempre più stretto tra Campania e gioco d’azzardo non fa grandissima notizia e non desta alcun scalpore. Anche se va detto che tale regione detiene un triste primato, ossia quello del gioco minorile che coinvolge il 57,8% dei ragazzi. Questo però può essere, senza alcun dubbio, motivato con una generazione che, troppe volte, vive ai limiti ed è fortemente condizionata da uno sviluppo incontrollato della microcriminalità, ma anche da condizioni di povertà assoluta fortemente diffuse. Insomma, solo uno dei tanti emblemi, segnali e simboli di una situazione molto complicata. Ma comunque, anche sulla base di questi dati, il governo regionale ha deciso di muoversi per regolamentare in maniera chiara e dettagliata il settore del gambling.

Facendo un salto nel recente passato, si può notare come la Campania abbia contribuito al fatturato del gioco d’azzardo online con ben 158 milioni di euro. Seppur si sia registrato un calo rispetto al 2011, dove la cifra era di 242 milioni di euro, il primato nella classifica a livello nazionale rimane ben saldo. Si può dire anche che i giochi che attraggono maggiormente gli italiani sembrano essere le slot machine, probabilmente per la loro semplicità e velocità che non richiede alcuna competenza specifica e particolare, come, ad esempio invece richiede il poker. E la possibilità di guadagno è comunque sempre abbastanza buona.
L’online e il mobile stanno, senza alcun dubbio, facendo da vero e proprio traino all’intero mondo del gioco d’azzardo. Sono 3 milioni gli italiani che ne sono rimasti colpiti ed affascinati e ben 642mila giocano in maniera costante e assidua su piattaforme online come 32Red, Pokerstars, Bwin e via dicendo. Al top delle preferenze degli italiani spiccano le slot machine, seguite dalla roulette, dal videopoker e dal blackjack online. Sorprende la seconda posizione delle roulette, un gioco riscoperto dagli utenti grazie al processo di restyling attuato dai programmatori delle piattaforme legalizzate AAMS operanti nel nostro paese e all’associazione con must dei videogiochi arcade, particolarmente evidente nella roulette online di 32Red

Se si guardano le motivazioni che spingono a giocare e a tentare la fortuna sulle piattaforme online, la principale è, come è normale che sia, vincere denaro (52%), seguita da sfidare la sorte (21%), passare il tempo (19%) e misurare le proprie capacità (8%). Infine, va detto, che il giocatore medio italiano ha come residenza il Centro-Sud.

L’ennesima testimonianza che in Campania…ci si mette in gioco. E lo fanno sempre più persone.

Top
Ti suggeriamo di leggere Attualità, Homepage
edmondo_cirielli
Sanità: Cirielli attacca De Luca, nuovi ospedali a rischio chiusura

gioi_centro
Gioi: al via i lavori per la redazione del Puc

treno_affollato
Da Napoli a Roma con un treno da 800 posti: novità da Trenitalia

Chiudi